Logo SII

Dott. Giammario Mascolo

Terapia Breve Strategica ed Ipnosi
Roma nord-est, Roma sud-ovest e Cicciano (Napoli)
Albo Regionale Psicologi Lazio n.10467
Specialista in Terapia Breve Strategica ed in Ipnosi Ericksoniana, psicoterapeuta ufficiale e ricercatore del Centro di Terapia Strategica di Arezzo diretto da Giorgio Nardone - membro della Società Italiana di Ipnosi
"Il pi certo modo di celare agli altri i confini del proprio sapere, di non trapassarli."
G. Leopardi

Dubbio ossessivo / paura delle decisioni


COSÈ: il dubbio patologico una forma di disturbo ossessivo isolata e studiata per la prima volta dal Centro di Terapia Strategica di Arezzo. Si caratterizza per la presenza di domande alle quali la persona cerca di dare risposte, senza per trovarne mai una appagante e definitiva.
Si tratta di domande che, per come sono formulate, non ammettono mai in realt una risposta unica, ma molte risposte possibili, le quali si alternano e si accumulano nella mente della persona, portandola ad ossessionarsi su quella domanda e su tutte quelle che ne derivano.
Le domande possono riguardare qualunque argomento: come parlo? come guardo?" "avr fatto bene a toccare quella cosa? sono omosessuale? Sono pazzo? Rischio di diventarlo?... oppure l'infinita indecisione tra due differenti opzioni: compro questo vestito o quellaltro?, mi comporter in questo modo o in quellaltro?, "Scelgo questa tesi o quell'altra?", "Meglio stare con il mio partner o lasciarlo?", "Ho scelto l'universit giusta o meglio cambiare?"...
O ancora il dubbio su propri errori del passato, veri o presunti: "Sono colpevole per quella frase che ho detto o per quel gesto che ho fatto?", "Ho sbagliato a fare quella azione?", "Sono una cattiva persona perch quella volta...?"

Si finisce allora per trovare molte ragioni a favore di ogni risposta possibile, senza per riuscire a scegliere quale sia quella giusta, e anzi incartandosi sempre pi nel ciclo di domande e risposte.

SINTOMI: la componente razionale-ossessiva quella che maggiormente caratterizza questo tipo di problema. Le persone che ne soffrono, infatti, sono spesso connotate da una spiccate capacit intellettive e logiche. Cercano perci una risposta razionale ad ogni propria domanda e soluzioni razionali ai loro dubbi. Non tutto nella vita per si pu risolvere razionalmente, succede cos che questa razionalizzazione si traduce in una rimuginazione continua e infinita che arrovella la mente.
In altri casi la persona tenta di scacciare il pensiero, ma pi cerca di scacciarlo pi ci si perde dentro.
In taluni casi vi pu essere lansia di perdere il controllo della propria ragione, di impazzire.

SENSAZIONI: la persona che soffre di dubbio patologico viene invasa da una serie di domande (dubbi) alle quali cerca di dare una risposta che per, ammesso che si trovi, serve solo a generare un nuovo dubbio che porta ad una nuova risposta fino ad entrare in un labirinto di domande e risposte, nel quale la persona si sente imprigionata.
Le sensazioni sono legate soprattutto allansia o alla paura di non essere mai allaltezza del lavoro, della scuola, delle relazioni, della vita in genere. Tutto viene vissuto allora come un grande peso e pu essere presente uno stato di insoddisfazione; per questo, talvolta, le persone lamentano sintomi quali lalzarsi con fatica, il sentirsi tristi, gi di tono, dolori fisici, astenia. Sintomi che vengono spesso confusi con quelli depressivi, tanto da portare il medico a prescrivere loro farmaci antidepressivi.

CONSEGUENZE: Questo continuo cercare di ragionare per rispondere alle domande, crea di fatto un circolo vizioso di altre domande, cui segue una risposta che non soddisfa e che genera a sua volta unaltra domanda, e poi unaltra risposta, e cos via. Ci intrappola il soggetto nel loop di domande-risposte, domande-risposte, senza riuscire mai a trovare una via duscita. Nell'intento di frenare il loop di domande e risposte, la persona cerca di non pensare ottenendo per leffetto contrario, oppure cerca di razionalizzare tutto, ma pi ci prova, pi si incarta alimentando cos la catena di dubbi. Questi schemi di pensiero ostacolano lelaborazione cognitiva che implode su se stessa e ci comporta dei forti limiti nella vita delle persone colpite da questo disturbo, perch tendono a bloccarsi fino (in alcuni casi) a non poter svolgere pi le normali attivit quotidiane e ad isolarsi rispetto alle relazioni sociali.

COME SE NE ESCE: il dubbio ossessivo patologico pu essere efficacemente trattato con la terapia breve strategica, che, attraverso esercizi appositamente studiati, interviene a spezzare la catena di dubbi - risposte - dubbi - risposte, e contemporaneamente guida la persona a ritrovare e migliorare la propria capacit di prendere decisioni.

Un caso di dubbio patologico risolto con successo

Se vuoi affrontare un problema di dubbio patologico con il nostro metodo, puoi prenotare un appuntamento allo 06/54602916 o compilare l'apposito modulo.

Torna alla Panoramica dei problemi trattati

Segnala questo articolo ad un amico



Articolo a cura della dott.ssa Laura Fantuzzi

Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid XHTML 1.1 CSS Valido!