Logo SII

Dott. Giammario Mascolo

Terapia Breve Strategica ed Ipnosi
Roma nord-est, Roma sud-ovest e Cicciano (Napoli)
Albo Regionale Psicologi Lazio n.10467
Specialista in Terapia Breve Strategica ed in Ipnosi Ericksoniana, psicoterapeuta ufficiale e ricercatore del Centro di Terapia Strategica di Arezzo diretto da Giorgio Nardone - membro della Società Italiana di Ipnosi
"Le pi felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino."
P. Coelho

Dipendenza affettiva (love addiction)


COS'È: La Dipendenza affettiva ad oggi (2018) non ancora inserita tra i disturbi psicologici ufficialmente riconosciuti. Tuttavia gli addetti ai lavori sono da tempo concordi nel definirla come un problema psicologico comportamentale specifico.
Colpisce in stragrande maggioranza le donne e si tratta di una vera e propria dipendenza, in tutto assimilabile alla dipendenza da alcol o stupefacenti. Proprio per questo, cos come in italiano, anche in inglese viene definita con la parola dipendenza "Addiction". Rientra per tra le "Dipendenze comportamentali", cio quelle forme dipendenza che non coinvolgono sostanze, ma comportamenti, persone, relazioni.

La persona che vive una dipendenza affettiva sente la propria vita come insignificante senza la presenza del partner. Rinuncia ai propri spazi, ai propri bisogni, a gran parte della sua vita pur di stare con l'oggetto del suo amore, o di dedicare a lui/lei la maggior parte del suo tempo.
Proprio qui nasce l'inganno che porta dritti alla dipendenza: si pensa di amare l'altra persona, e che quindi sia naturale rinunciare a tante cose per lui/lei. Ma la dipendenza non amore.
Come in tutti i problemi psicologici si genera un meccanismo che si alimenta da solo: la persona sente che ha un bisogno assoluto e continuo dell'altro, concentrandosi su questo bisogno si allontana gradualmente sempre pi da s stessa, dalle sue potenzialit, dalle sue risorse, dalle sue capacit, dai suoi progetti; in altre parole si allontana dal proprio centro. Ma in questo modo aumenta sempre pi quel senso di vuoto, quella sensazione di essere "niente" senza l'altro, e quindi sempre pi aumenta il bisogno dellaltro. Cos si rafforza un circolo vizioso che fa incrementare la dipendenza.

SINTOMI: La dipendenza affettiva si distingue per tre caratteristiche fondamentali:

  • Ossessivit: il pensiero sempre occupato dal partner o dalla paura di perderlo. Qualunque cosa si stia facendo, salvo pochi brevi momenti in cui si distratti dalle proprie attivit, appena c' una pausa si ripensa a lui/lei.
  • Impulsivit: i comportamenti di ricerca dell'altro (telefonate, messaggi, chat, controllo del cellulare o del computer per spiarlo ecc.) vengono messi in atto senza quasi rendersene conto, come un automatismo.
  • Compulsivit: questi comportamenti vengono ripetuti in maniera incontrollabile e sempre pi frequente, arrivando a riempire gran parte della giornata.

Questi tre aspetti sono tipici di qualsiasi dipendenza: da sostanze, da persone, da oggetti, da comportamenti, da relazioni.:

Un altro aspetto che rende la dipendenza affettiva simile a tutte le altre dipendenze, quella che gli studiosi definiscono "Tolleranza" o "Dose". Cos come un tossicodipendente ha bisogno di una dose di sostanze sempre pi alta e tollera periodi di astinenza sempre pi bassi, La persona dipendente affettiva ha sempre pi bisogno del partner da cui dipende, e tollera ogni giorno di meno i periodi distante da lui/lei. Al tempo stesso riduce sempre pi i contatti con l'esterno (amici, interessi, familiari, passioni ecc.) Cos come si abbassa inesorabilmente l'interesse per s stessi, per le proprie passioni, per i propri progetti, per la cura di s e dei propri spazi, arrivando tal volta ad una svalutazione quasi totale della propria stessa vita.

SENSAZIONI: I momenti di assenza del partner, bench brevi, comportano uno stato di angoscia, depressione, insicurezza. Solo rivedere lui/lei pu mettere fine a queste sensazioni.
La vita senza di lui/lei non potrebbe esistere, "se mi lasciasse mi ammazzerei" una frase tipica da dipendente affettivo.
La fiducia in s stessi, gi molto bassa, si riduce sempre di pi. Ma anche la fiducia nell'altro si riduce, perch, anche se viene percepito come indispensabile per la propria sicurezza, diventa al tempo stesso una minaccia non appena si allontana anche per poco; sempre di pi perci cresce la gelosia morbosa.
Il partner, tuttavia, viene comunque percepito come chi pu mettere fine a tutte le sofferenze e regalare la felicit, se solo fosse pi presente, pi affettuoso, pi comprensivo. Tutte doti che nessun partner di un dipendente affettivo sembra avere mai a sufficienza.
Un'altra sensazione costante nella dipendenza affettiva il vittimismo: la persona si sente inevitabilmente vittima dell'altro, della relazione, dei propri sentimenti. Uno stato di vittima dal quale, apparentemente, non c' alcuna possibilit di uscita.

CONSEGUENZE: La persona con dipendenza affettiva vive a volte momenti di forte vergogna per la propria debolezza mista a repulsione verso la persona da cui dipende, cui segue una fase di lucidità; poco dopo, per, ritorna quel senso di insicurezza e vuoto, che porta a ricadere nei comportamenti dipendenti.
Si cerca continuamente di compiacere l'altro, per esempio concedendosi sessualmente in tempi e modi lontani dai propri desideri reali, oppure sottomettendosi alle richieste di lui/lei e togliendo importanza alla propria vita e alle proprie esigenze. Tutto ci per garantirsi la sua vicinanza e per non farlo allontanare.
Questi comportamenti col tempo portano la relazione a diventare sempre pi morbosa e asfissiante. Cos facendo, inoltre, si alimentano i propri sensi di colpa, la propria insoddisfazione, la certezza che senza di lui/lei non si potrebbe mai farcela.
L'illusione che, garantendosi la vicinanza dell'altro, si possa vincere la propria paura dell'abbandono. Questo assolutamente falso! La paura dell'abbandono non si vince costringendo un altra persona a starci vicino.

Non raro che le relazioni di dipendenza affettiva, proprio perch caratterizzate da una continua insoddisfazione e richieste sempre pi pressanti, sfocino in relazioni violente e manipolazioni, fino a maltrattamenti ed aggressioni sia verbali sia fisiche.

COME SE NE ESCE: Per uscire dalla dipendenza affettiva necessario che la persona ritrovi la fiducia in s stessa, impari a conoscere e valorizzare le sue potenzialit e risorse, ritrovi il centro e l'oggetto del proprio amore prima di tutto in s stessa.
La Terapia Breve Strategica ha sviluppato e messo a punto specifiche tecniche per raggiungere questi obiettivi. Parallelamente bisogna cercare un distacco dal partner, fino a comprendere che una relazione d'amore cosa ben diversa da una dipendenza.
Questo percorso pu essere a volte molto duro, perch si tratta di rinunciare a ci che era diventato praticamente una ragione di vita. Ma quale prezzo troppo alto per la propria libert emotiva?

PERCENTUALE SUCCESSO TRATTAMENTO: I modelli di intervento sono ancora molto recenti, quindi non esistono studi statistici. I primi risultati sono comunque molto promettenti e parlano di persone che sono riuscite in poco tempo a liberarsi dalla dipendenza affettiva.

Se vuoi affrontare un problema di dipendenza affettiva con il nostro metodo, puoi prenotare un appuntamento allo 06/54602916 o compilare l'apposito modulo.

Torna alla Panoramica dei problemi trattati

Segnala questo articolo ad un amico



Si ringrazia per gli spunti il sito della collega Annalisa Barbier

Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid XHTML 1.1 CSS Valido!