Logo SII

Dott. Giammario Mascolo

Terapia Breve Strategica ed Ipnosi
Roma nord-est, Roma sud-ovest e Cicciano (Napoli)
Albo Regionale Psicologi Lazio n.10467
Specialista in Terapia Breve Strategica ed in Ipnosi Ericksoniana, psicoterapeuta ufficiale e ricercatore del Centro di Terapia Strategica di Arezzo diretto da Giorgio Nardone - membro della Società Italiana di Ipnosi
"La cattiva notizia che il tempo vola, quella buona che il pilota sei tu."
M. Altshuler

Un caso trattato con successo: donna con bulimia


Quando il lavoro alimenta il problema

Vorrei arricchire questo breve excursus sulla terapia breve strategica, mostrando attraverso casi realmente trattati con questa tecnica, quali potenzialità essa può presentare se utilizzata nel modo giusto. Vorrei dimostrare ciò che si intende per Comprensione del Sistema Percettivo-Reattivo e per Sblocco delle tentate soluzioni e come spesso il problema presentato può essere guardato da un punto di vista diverso da quello comune, consentendo così un nuovo ventaglio di azioni possibili su di esso.

Questa donna viveva attanagliata dal suo problema da moltissimi anni, avendo tentato diverse strade terapeutiche.

Giunge in terapia una donna sulla quarantina, visibilmente in sovrappeso. Come sempre succede nellapproccio strategico, il terapeuta esordisce chiedendo per quale problema essa abbia deciso di chiedere aiuto. (Tal volta, anche quando appare banale, questa domanda apre scenari che si rivelano poi indispensabili per la costruzione del lavoro successivo).

La donna dice di avere un forte problema col cibo, ammette che il suo problema non è la fame, ma la voglia di mangiare. Quasi per autopunirsi, lavora da qualche anno in una pasticceria dove, dice, è circondata dalle tentazioni. Prima aveva lavorato in una rosticceria. È separata dal marito e afferma di aver visto accentuarsi il suo problema dopo la rottura del matrimonio, anche se era comunque presente anche prima. Il momento della separazione sembra essere stato un momento di distacco su molti fronti, ha fra laltro interrotto una psicoterapia che andava avanti da sei mesi.
A questo punto il terapeuta indaga gli aspetti relazionali della paziente (è infatti noto che nel trattamento dei disordini alimentari, grande importanza riveste laspetto relazionale).
La domanda del terapeuta verte sullesistenza di storie sentimentali nella vita della paziente. Ella risponde di avere una Mezza storia, ma che questa non riesce a decollare perch Cè sempre qualcosa di mezzo: prima un viaggio in Egitto nel quale ha conosciuto un uomo del posto, poi una sera non si ricorda di aver portato con s il preservativo rifiutando di conseguenza gli approcci sessuali dellaltro...
Insomma, il terapeuta incalza cè sempre qualcosa da frapporre fra lei e la relazione con laltro, come se non bastasse la ciccia. Questa frase sembra colpire la paziente che, dopo qualche attimo di riflessione, risponde di essere una che mette continuamente barriere e dice: Chi mi vuole mi deve volere molto. Il terapeuta ristruttura questa situazione paragonandola a quella di un carciofo: Io amo definire questa come la sindrome del carciofo che protegge il suo cuore tenero e dolce con tanti strati di foglie amare e piene di aculei. (Questa dinamica relazionale compare spesso nei pazienti bulimici, confermandosi poi allorch, usciti dalla bulimia, essi devono imparare a vivere le relazioni in prima persona e senza fuggire).
La donna risponde che in effetti la ciccia è brutta, però è una bella armatura. Tuttavia, se qualcuno laccetta così comè, lei si rende conto di essere la prima a non accettarsi...
Qui il terapeuta coglie loccasione per utilizzare una risposta che ha dimostrato grande efficacia con questo tipo di pazienti: Certo, perch è una schifosa palla di lardo. (Al contrario di quanto può apparire, una frase del genere ha forte presa su una paziente bulimica, perch la fa sentire per la prima volta veramente capita; finalmente qualcuno dice di lei quello che lei stessa pensa da sempre e che nessuno ha mai avuto il coraggio di dirle).
La paziente dice di aver tentato diverse diete, oltre alla psicoterapia precedente, è riuscita ad avere qualche sporadico periodo di dimagrimento, ma per mai più di un mese.
Alla richiesta di quanti chili vorrebbe perdere, risponde di essere 114 Kg e volere arrivare a 75. Il suo peso forma sarebbe 55, ma nei brevi periodi di dimagrimento si è accorta che sotto i 70 il suo viso diventa troppo allungato e col mento troppo grosso. (È un dato di fatto che chi è abituato a vedersi grasso, nonostante non ami il suo corpo, trova molto più difficile abituarsi a vedersi magro).
Avendo assunto abbastanza dati per i passi successivi, il terapeuta passa ad esplicitare le regole del trattamento. (È bene notare che, ai fini di un approccio strategico, nessuna o scarsa importanza hanno le vicende passate del paziente, e gli eventi che egli ritiene allorigine del suo problema. Questo perch la comprensione del Sistema Percettivo-Reattivo necessita esclusivamente di una indagine accurata sul qui ed ora, sufficiente per sapere come funziona e come si autoalimenta il problema). Tale indagine, effettuata con tecniche e mezzi appropriati, esclude praticamente del tutto le domande sul passato.
(Laccordo sulle regole del trattamento ha un ruolo cruciale nella Terapia Strategica, perch appare come un contratto formale, ma in realtà si avvale di quella che gli studiosi della comunicazione hanno definito Tecnica del Doppio Legame. Si tratta in pratica di porre il paziente in una situazione per la quale dovrà necessariamente seguire le indicazioni terapeutiche, se non vuole trovarsi in conflitto con s stesso.)
Il terapeuta dice: Credo di aver capito abbastanza del suo problema per cominciare a trattarlo. Devo dirle che normalmente questi problemi si risolvono nel giro di cinque o sei sedute, ma non so se sarà il suo caso.
In che senso?
Nel senso che, se chi lha mandata da me non glielo ha già detto, io do degli esercizi da svolgere a casa nel periodo in cui non ci vediamo. Si tratta di cose non impegnative, ma tal volta appaiono banali, illogiche, bizzarre. Però vanno eseguite alla lettera. Solo dopo le darò le spiegazioni. Laltra regola è che ci diamo solo dieci sedute di tempo, non una di più. Se in dieci sedute non vediamo risultati, allora interrompiamo. Se non riesco a fare niente in dieci sedute, non ci riuscirò neanche in cento. Le ripeto che di solito problemi come il suo si sbloccano in molto meno, ma non so se sarà il suo caso.
La paziente sembra cogliere il senso delle parole ascoltate e commenta: Una sfida...
A questo punto il terapeuta passa ai tre compiti che lei dovrà eseguire nei giorni successivi che li separano dalla prossima seduta.
1. Il primo compito è una fantasia da fare ogni mattina. La paziente dovrà immaginare di essere stata da una specie di stregone che per incanto ha fatto scomparire il suo problema. Come sarebbe allora la sua vita, cosa ci sarebbe di diverso e di nuovo? Quali sarebbero i nuovi problemi che emergerebbero? (Questa prescrizione, inaugurata da Steve De Shazer è denominata Fantasia del Miracolo, risulta utilissima per proiettare il paziente in uno scenario al di là del suo problema.)
2. Il secondo compito è quello di pensare durante la giornata di essere allo stesso tempo come un carciofo che protegge il suo cuore tenero, e come una schifosa palla di lardo che rotola. A questa prescrizione la paziente commenta Beh, questo mi riesce abbastanza facile.
3. Anche il terzo esercizio è un pensiero da fare ogni giorno, ed è stato denominato Pensare allutilità del sintomo. Il terapeuta invita la paziente a chiedersi quale utilità pu avere nella sua vita lessere così attaccata al cibo, perch ogni fenomeno in natura ha una sua utilità che lo fa perdurare nel tempo, e anche la mente umana, in quanto entità naturale, deve funzionare in questo modo. (La prescrizione dellutilità del sintomo è spesso utilizzata per portare il paziente a pensare sul suo modo di pensare, in pratica si punta a far in modo che egli scopra i meccanismi perversi che mantengono il disturbo in vita).



Alla seconda seduta la donna arriva con un bel taccuino per gli appunti. Dice che le è riuscito facile pensare di essere una palla di lardo e un carciofo, e che questo lha aiutata negli altri due compiti. Se il suo problema sparisse, probabilmente verrebbe fuori una sua difficoltà a gestire le tensioni. Non ci sarebbe più Il grasso a proteggermi e allora non saprebbe come relazionarsi agli altri. Adesso, infatti, si accorge di essere molto libera e schietta nel parlare, e teme che dopo non potrebbe esserlo più. Ritiene che, scomparso il problema del cibo, probabilmente si darebbe al sesso sfrenato, e questo le porterebbe grossi problemi di moralità. È giunta quindi alla conclusione che lutilità del suo problema sta nel difenderla dalle relazioni troppo strette e nellavere una scusa per ritrarsi agli altri. Persino labbraccio di un uomo è per lei ripugnante, perch quellabbraccio trova solo grasso, e se il problema non ci fosse più questa motivazione non avrebbe più senso.

Il terapeuta, dopo essersi complimentato per lo svolgimento degli esercizi, chiede come è andata col cibo. La paziente afferma di aver sentito meno forte lattrazione per il mangiare, ma di non essere dimagrita.
Scatta a questo punto la seconda fase della terapia, quella che i terapeuti strategici definiscono Sblocco. Il terapeuta afferma: Visto che non sei riuscita a dimagrire, mi chiedo quanto ancora potresti ingrassare prima di cominciare a dimagrire. Per questo motivo ti darò un compito che riguarda direttamente il cibo. Il compito in questione si basa sullantico stratagemma cinese dello Spegnere il fuoco soffocandolo con laggiunta di legna.
Ora ti sceglierai una dieta non troppo rigida, diciamo sopra le 1000-1200 calorie, è inutile che io te ne fornisca una perch tu sei sicuramente bravissima con tutte le diete che hai fatto. Al di fuori di quella dieta, però, ogni volta che mangi qualcosa, la devi mangiare per cinque volte: se mangi un cioccolatino, cinque cioccolatini, se mangi un pezzo di torta, cinque pezzi di torta... Puoi non trasgredire per niente, ma se fai una trasgressione ne farai cinque. (Questa prescrizione ha effetto praticamente garantito in tutti quei pazienti che basano le loro tentate soluzioni sul controllare il proprio comportamento, con il risultato che più controllano e più perdono il controllo).
Vista la forte valenza relazionale del disturbo in questa paziente, il terapeuta dà poi una seconda prescrizione, definita come Lepistolario notturno. Ogni sera ella dovrà prendere carta e penna e, come ultima azione della giornata, sul suo cuscino, scrivere una lettera a lui, mettendoci dentro quello che vuole, cominciando però sempre con le parole Caro Dottore. (Questo esercizio ha un valore squisitamente relazionale perch punta al recupero delle capacità di interazione intima della paziente, sotto la rassicurante guida terapeutica).



Alla terza seduta la paziente riferisce di essere riuscita a perdere due chili nellultima settimana. Aggiunge poi di aver odiato il terapeuta, perch con la prescrizione del Se fai uno fai cinque era riuscito a trasformarle il suo unico piacere in una Frustrazione. Adesso ogni volta che le veniva voglia di mangiare, si fermava perch pensava che ne avrebbe dovute mangiare cinque. Il terapeuta commenta Il dispiacere per il peso che prenderai mangiando cinque volte è più forte del piacere che proveresti. Così in questa settimana solo una volta ha mangiato per cinque, quando aveva voglia di cinque mandorle, e allora ne ha prese 25. Unaltra volta si è accorta di volere latte e biscotti, allora ha mangiato cinque biscotti, ma ha sostituito questo con la cena.

Il tono della donna appare molto più confidenziale e più emotivo, sia quando esprime le sensazioni che le vengono dalle prescrizioni, sia quando racconta di un Colpo di fulmine capitatole a lavoro. (Risulta evidente il recupero relazionale già in atto, anche se ancora in embrione). Dice inoltre di aver sognato molto e di aver ricevuto i complimenti dalla sua dietista. A queste parole, tuttavia, il terapeuta risponde che è meglio tenere distinto il suo lavoro da quello della dietista, perch sono due cose che prendono il problema da due punti di vista completamente diversi. Per ora, dunque, è meglio che lei non racconti a nessuno dei due quale lavoro sta svolgendo laltro, se sarà necessario egli sentirà personalmente la collega.
La seduta si conclude con la conferma dei due compiti prescritti in precedenza, modificando solo leggermente alcuni dettagli per adattarli alla persona e alle sue sensazioni.



Questa paziente proseguì il suo trattamento avendo ormai sbloccato lempasse dellatteggiamento bulimico. Si trattò di lavorare, come già previsto, sulle relazioni e sul recupero della sua seduttività femminile fino ad allora rimasta sopita sotto centimetri di ciccia. Mai più, neppure nel periodo di follow up (Sei mesi, un anno e due anni dopo il termine della terapia) si presentarono in lei disordini alimentari.

Per una trascrizione dettagliata di questo caso si veda Nardone G., Psicosoluzioni, Rizzoli 1998.

Torna ai problemi pi trattati

Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid XHTML 1.1 CSS Valido!